DAL 9 AL 24 NOVEMBRE 2015
Teatro Annibal Caro, Civitanova Marche
Associazione Franco (ITA)
progetto: L’APERITIVO. BISOGNA CHE ACCADA QUALCOSA

“Bisogna che accada qualcosa. Anche la servitù senza amore, anche la guerra, o la morte. (…) L’uomo è fatto così, caro signore, ha due facce: non può amare senza amarsi. Osservi i suoi vicini, se per combinazione sopravviene un decesso nel casamento: dormivano la loro vita mediocre, ed ecco per esempio che muore il portinaio. Subito si svegliano, si dimenano, si informano, si impietosiscono. Sta per uscire un morto, e finalmente lo spettacolo incomincia. Hanno bisogno della tragedia, è la loro piccola trascendenza, il loro aperitivo”. Queste parole sono tratte da La Caduta, di Albert Camus. La scena è un aperitivo in un salotto mondano, dove pochi viveur animano frivole conversazioni. Nell’attuale socialità, l’aperitivo è rituale contemporaneo dell’attesa, dell’aspettativa delusa e della vacuità. La consapevolezza impone una presa di posizione, una ricerca di senso. La rivolta, si chiedeva Camus, è davvero speranza di una creazione oltre l’assurdo o è essa stessa assurda? La performance attinge temi e immaginari da questo ricco pensiero filosofico e politico, lavorando con spunti letterari e partiture fisiche su paesaggio sonoro.

L’associazione culturale Franco nasce nel 2014 dall’idea di cinque ragazzi (Romina Antonelli, Manuel Coccia, Oscar Genovese, Roberto Marinelli, Caterina Trucchia) che, dopo anni di amicizia ed esperienza nel proprio settore, decidono di unirsi sotto un unico tetto per sperimentare nuovi linguaggi mescolando audio, video ed espressione corporea per realizzare spettacoli dal vivo.